Cavolfiore al Curcuma

Il dottore mi ha prescritto pastiglie concentrate di curcuma: antitumorale, antiossidante, e antiinfiammatorio, questa spezia sembra davvero un toccasana per il nostro benessere.

Da qui ho inziato a pensare a come introdurla nella mia dieta quotidiana.

Una ricetta facile, veloce, ma allo stesso tempo gustosa, è quella del cavolfiore alla curcuma.

cavolfiore-curcuma-3

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cavolfiore
  • curcuma in polvere
  • olio di cocco
  • Sale

Scaldare il forno a 200°, modalità ventilato.
Eliminare le foglie esterne e il gambo del cavolfiore.
Lavarlo. Asciugarlo con carta da cucina.
 Tagliarlo a dischi di uno spessore di circa 1,5cm.

cavolfiore-curcuma-1

Adagiarlo su carta forno, quindi spennellarlo con olio di cocco (l’olio di cocco è migliore in quanto ha un punto di fumo più alto di altri olii).
Spolverare con curcuma a piacere (io abbondo) e sale.
Infornare 30 minuti a 200° finché non sarà ben dorato.
Servire caldo oppure tiepido.

Se volete, aggiungete anche un po’ di pepe nero perchè è molto utile ad aumentarne le potenzialità.

Caldarroste di marroni al forno

Le caldarroste sono grandi protagoniste dell’autunno e possono essere mangiate così, una volta spellate oppure utilizzate per altre golose ricette.

Potendo scegliere, la mia raccomandazione è quella di preferire i “marroni” che sono più grandi e più tondi rispetto alle castagne classiche e quindi anche più appaganti nel gusto perchè più ricchi di polpa.

  • 1Kg di marroni
  • acqua

L’utilizzo del forno anzichè della classica padella, oltre ad ottenre un ottimo risultato, vi aiuterà a non sporcare troppo!

Preparazione

Con un coltello, incidere la buccia di ciascuna castagna. Il taglio deve essere di circa 1 cm: è meglio se riesce a stare in superficie, senza penetrare troppo nella polpa.

fullsizerender

Mettere quini i marroni in una ciotola e ricoprirla d’acqua fredda.

fullsizerender_1

Lasciare in ammollo per circa un’ora. Dopodichè scolare e mettere i marroni su una teglia da forno. Infornare a 220°, forno ventilato, per 30-40 minuti circa fino a che non saranno ben cotte (ma non troppo scure!)

fullsizerender_2

Una volta estratti i marroni dal forno, rovesciarli su un panno bagnato o della carta di giornale, arrotolare e massaggiare per agevolare la rimozione della pelle. Quindi sbucciare!

Nota: se anzichè i marroni si utilizzano le castagne, il tempo di cottura è di 25-30 minuti a 180°.

 

La Acque Aromatizzate

Un’idea fresca, simpatica e aromatica…

Acque Aromatizzate.png

Sono stata di recente ad Amsterdam e sono rimasta colpita, anzi affascinata, dalla acque aromatizzate che negli scaffali dei supermercati spiccano per l’ “effetto natura” (1 bottiglietta costa 1,50€ e la sua conservabilità è di una settimana circa), mentre nelle case vengono servite in simpatiche caraffe trasparenti.

Per ispirazione, ho trovato questo interessante articolo: https://www.greenme.it/mangiare/vegetariano-a-vegano/13526-acqua-aromatizzata-frutta

 

 

Baccalà, lenticchie e lime

Nella grande serata di Alba Accademia, lo Chef Massimiliano Musso del Ristorante Ca’Vittoria di Tigliole D’Asti, presenta un piatto da lui ideato e creato, grandioso trionfo di armonia e contrasto:

“baccalà mantecato su vellutata di lenticchie di montagna, lime e bacon croccante”.

In accompagnamento, “Pas Dosè spumante metodo classico 2009” dell’Azienda Vitivinicola Rizzi di Treiso, incredibilmente in grado di amplificare il particolare accostamento con il lime.

 

 

Baccala e crema di lenticchie.png

Risotto allo stravecchio e liquirizia

Piatto ideato e creato dallo Chef Andrea Larossa del Ristorante Larossa di Alba e degustato in occasione della serata Alba Accademia.

La descrizione completa del piatto è “carnaroli mantecato allo stravecchio friulano e sensazioni liquirizia”.

Una volta amalgamata la liquirizia nel piatto, si avverte una particolare e delicata sensazione di freschezza. Lo stravecchio friulano dona al risotto struttura e corpo che ben constrano con la sensazione di leggera freschezza della liquirizia.

Servito in accompagnamento con Barbera d’Alba DOC 2012 dell’azienda vitivinicola Rizzi di Treiso.

risotto alla liquirizia.png